Cyber: sicurezza informatica tra machine learning e analisi predittiva

I sistemi di Intelligenza artificiale (AI) attraverso l’approccio attuativo del machine learning nonché delle reti neurali del deep learning, può costituire un valore aggiunto per la costruzione di un framework di sicurezza informatica basato sull’apprendimento automatico “maturo” delle strategie di attacco messe in atto dai criminali informatici.

Questa attività, rappresenta verosimilmente la prossima frontiera dell’information security, costituita proprio dalla creazione di nuovi pattern che il sistema di intelligenza artificiale può utilizzare con funzionali e più efficaci finalità predittive.

Per questo è molto importante che le aziende investano sempre più nello sviluppo di sistemi di AI, non soltanto per l’automatizzazione delle attività di patching, ma anche e, soprattutto, per l’attività di predictive analysis delle potenziali vulnerabilità e dei cyber attacchi. 

L’esigenza nasce dal progressivo ed inarrestabile aumento della superficie esposta al rischio per via della sempre maggiore connessione eterogenea di dispositivi dell’IoT, resa ancora più veloce dalle reti di quinta generazione. 

L’analisi delle tecniche di attacco diventa così determinante per studiarne la tattica e, quindi, costruire una strategia difensiva a fini predittivi e di mitigazione. 

Si creeranno dunque i cosiddetti “Playbook” difensivi, ossia dei manuali tattici che,  a tendere, saranno sempre più importanti per l’analisi delle sequenze di attacco e l’acquisizione di tutte le informazioni afferenti, nonché per la creazione di modelli sottostanti e protocolli di risposta proattiva ad un attacco concreto o potenziale.

Questa è la nuova grande sfida per la sicurezza informatica.

La potenza di elaborazione e di calcolo dei sistemi di AI abilitano a vagliare rapidamente una mole di dati per identificare e agire su schemi precisi che proprio su quei dati si configurano. 

Il sistema di apprendimento si evolverà man mano che le minacce continueranno ad essere tracciate, documentate ed automaticamente “apprese” e, per mezzo di tale sistema, le organizzazioni che implementeranno l’AI e l’automazione saranno in grado di migliorare significativamente il rilevamento e la risposta alle minacce. 

Ogni attacco determinerà, dunque, l’inizio di un ciclo continuo, che il sistema di AI analizzerà nel quadro di una strategia di sicurezza strutturata anche attraverso la creazione di playbook personalizzati, preordinati ad  ottenere ogni dettaglio informativo sulle sequenze d’attacco avversarie, per paralizzarne l’offensiva o mitigarne i potenziali e futuri impatti, restando sempre al passo con l’evoluzione delle minacce.

Davide Maniscalco

Avvocato Cassazionista, con formazione giuridico-aziendale, ha consolidato la propria esperienza professionale prevalentemente nel settore dei carburanti e delle energie. Ha assunto ruoli di alta direzione in Gruppi societari del settore wholesale and retail trading, logistic, transport & management. Ha maturato una significativa esperienza in diritto commerciale e societario, nonché nella contrattualistica di impresa, occupandosi in azienda della gestione del capitale umano e delle relazioni sindacali. E’ Of Counsel dello Studio Viola di Palermo con cui collabora nell’ambito dell’innovativo BID Department per lo sviluppo del commercio internazionale delle imprese, negli uffici di rappresentanza di Milano e New York. Nel corso dell’esperienza professionale ha approfondito il rapporto tra diritto e tecnologie della società dell’informazione ed ha poi rivolto particolare attenzione alle materie della information security, acquisendo competenze trasversali in informatica giuridica, governance digitale, cybersecurity e business resilience. Certified functional continuity professional (CFCP) DRII e crisis manager. Referente territoriale e Docente della Geeks Academy, scuola di alta formazione specialistica e network della formazione in cybersecurity, digital forensics e data analysis. Professionista della Privacy iscritto negli elenchi dei professionisti dell’Associazione Anorc Professioni*, per la quale è Referente Territoriale. Professionista della Digitalizzazione documentale e della Privacy, con master di primo livello conseguito presso l’Università UniTelma Sapienza di Roma. Membro del Team D&L Net dello Studio Legale Lisi**, a cui aderisce come specialista della Privacy. Membro del consiglio direttivo dell’Associazione Confcommercio Professioni Palermo, che aderisce alla Confcommercio di Palermo. Business Coach e Licensed NLP Master Practitioner iscritto nell’elenco tenuto dall’Associazione Assocoaching I° livello Disaster Manager – Assodima ______________________ ____________________________ * ANORC Professioni è un’associazione professionale, indipendente e senza scopo di lucro, iscritta nell'elenco del MISE, che rappresenta i Professionisti della digitalizzazione e i Professionisti della privacy. **Il D&L Net è un Network professionale che in modo multidisciplinare vuole garantire ai Professionisti che aderiscono una crescita sia in termini di competenze, che di attività, nelle materie del diritto dell’informatica e della protezione dei dati personali. Per tali motivi i Professionisti accettano di riconoscersi in questo Network, di mettere a disposizione con spirito collaborativo e proattivo la propria professionalità e di impegnarsi a sviluppare la rete professionale secondo una serie di diritti e doveri condivisi nel Codice che accettano di osservare.

Facebook Comments

Articoli suggeriti