Contrasto al terrorismo: il piano Usa di Homeland Security

Lo scorso settembre, il Dipartimento Americano di Homeland Security ha presentato il piano strategico di contrasto al terrorismo, la cui disamina si rivela particolarmente interessante anche alla luce delle recenti evoluzioni geo-politiche delle regioni Mena e del Sahel. 

Il Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, creato sulla scia dei devastanti attacchi dell’11 settembre, ha presentato il piano poco dopo il diciottesimo anniversario dell’ attentato terroristico.

Il Piano si focalizza sulle sfide imposte dall’evoluzione del terrorismo e della violenza mirata. In particolare, la strategia americana in relazione alle attività delle organizzazioni terroristiche straniere, evidenzia la necessità di mantenere alta la priorità sulle attività di rilevazione, prevenzione, protezione e mitigazione delle minacce che questi gruppi pongono. Allo stesso tempo, viene affrontata la crescente minaccia terroristica originata in patria, anche attraverso attacchi di massa che hanno colpito troppo spesso le case di culto, le scuole, i luoghi di lavoro, i festival e gli spazi commerciali. 

L’approccio metodologico del piano è multilivello e proteso alla condivisione di informazioni sulla minaccia terroristica tra il governo federale e le entità statali, locali, tribali e territoriali, nonché il settore privato partner, anche per la più efficace protezione delle infrastrutture critiche d’America, conferendo anche nuovi poteri alle comunità americane sulla base di un principio di sussidiarietà e prima risposta alla minaccia. Le minacce sono diventate più complesse e pervasive e si avvantaggiano di un ecosistema digitale sempre più interconnesso.

Il Piano fornisce poi alcune importanti precisazioni. La prima è che il terrorismo e la violenza mirata si sovrappongono, si intersecano e interagiscono e per questo è necessario un insieme condiviso di soluzioni. Inoltre, viene introdotta una nuova valutazione annuale che informerà tutti i livelli di governo e il pubblico in generale delle minacce e sosterrà il processo decisionale delle agenzie, le priorità delle agenzie, le allocazioni delle risorse e partenariati intergovernativi. In buona sostanza, il quadro strategico introduce un meccanismo per la creazione di una nuova definizione del concetto chiave di violenza mirata, che contribuirà ulteriormente a garantire una comprensione comune della minaccia, consentendo una migliore discussione, approcci alla mitigazione e allocazione delle risorse. Il quadro strategico chiarisce altresì la natura delle sfide odierne, avendo particolare riguardo anche ai pericoli rappresentati dai terroristi domestici, compresi quelli motivati ​​dal punto di vista razziale ed etnico estremisti violenti, in particolare estremisti violenti suprematisti bianchi.

Viene fornita così una trattazione completa degli strumenti preventivi a cui è possibile accedere per fronteggiare queste minacce, indipendentemente dai vari driver ideologici o non ideologici, e con il fine ultimo di supportare e proteggere le popolazioni più vulnerabili, e la gioventù in particolare.

Particolarmente significativo è il passaggio sull’importanza della trasparenza, della protezione dei diritti civili e civili libertà e protezione dei dati nell’era digitale. 

Quattro gli obiettivi declinati dal Dipartimento:

  1. comprendere il terrorismo, la sua evoluzione, l’ambiente di minaccia della violenza mirata e supportare i partner nell’impresa di sicurezza nazionale, attraverso una conoscenza specialistica.
  2. Impedire ai terroristi e ad altri attori ostili di entrare negli Stati Uniti e negare loro l’opportunità di sfruttare il commercio, l’immigrazione e i sistemi di viaggio nazionali e internazionali della nazione.
  3. Prevenire il terrorismo e la violenza mirata.
  4. Migliorare le protezioni delle infrastrutture statunitensi e la preparazione della comunità.

Gli obiettivi chiave sopra descritti rappresentano le priorità strategiche del Dipartimento nel campo dell’antiterrorismo e dello spazio di violenza mirata. 

Gli obiettivi prioritari vengono perseguiti attraverso cinque linee guida:

  • Comprendere e adattarsi all’ambiente delle minacce: con l’evolversi delle minacce alla Patria, il Dipartimento deve adattare le proprie capacità di intelligence a nuovi scenari di sicurezza e elaborare risposte innovative. 
  • Comprendere gli usi della tecnologia, distinguendoli tra positivi e potenzialmente dannosi: la tecnologia può fornire nuove importanti soluzioni alle sfide del terrorismo e della violenza mirata. Ma gli sviluppi tecnologici possono anche amplificare queste sfide. I progressi tecnologici influenzano il modo in cui le persone si radicalizzano all’estremismo violento e si determinano alla violenza; autorizzare gli estremisti violenti a rappresentare gli aggressori come modelli di ruolo; fornire agli aggressori nuove strade tattiche e mezzi di distruzione; e creare vulnerabilità alle operazioni di informazione, anche da parte di stati stranieri, progettate per migliorare l’attrattiva delle cause estremiste violente. 
  • Collaborare con partner nazionali e internazionali: il terrorismo e la violenza mirata spesso trascendono i confini nazionali. Il Dipartimento deve affrontare queste minacce con le sinergie e la collaborazione internazionale, compresa un’efficace intelligence e condivisione delle informazioni, nonché lo sviluppo di capacità. 
  • Favorire ed incoraggiare le soluzioni locali: indipendentemente dalla minaccia, la determinazione alla violenza avviene a livello locale in tutto il paese. Il Dipartimento deve supportare gli sforzi delle comunità per assicurare che siano attrezzati per svolgere un ruolo centrale in compiti vitali come l’identificazione di segni di estremismo violento e individui sensibili “off-ramping” prima che si mobilitino alla violenza. 
  • Rispetto dei diritti individuali: il Dipartimento deve difendere i diritti individuali, inclusi privacy, diritti civili e libertà civili.
Davide Maniscalco

Avvocato Cassazionista, con formazione giuridico-aziendale, ha consolidato la propria esperienza professionale prevalentemente nel settore dei carburanti e delle energie. Ha assunto ruoli di alta direzione in Gruppi societari del settore wholesale and retail trading, logistic, transport & management. Ha maturato una significativa esperienza in diritto commerciale e societario, nonché nella contrattualistica di impresa, occupandosi in azienda della gestione del capitale umano e delle relazioni sindacali. E’ Of Counsel dello Studio Viola di Palermo con cui collabora nell’ambito dell’innovativo BID Department per lo sviluppo del commercio internazionale delle imprese, negli uffici di rappresentanza di Milano e New York. Nel corso dell’esperienza professionale ha approfondito il rapporto tra diritto e tecnologie della società dell’informazione ed ha poi rivolto particolare attenzione alle materie della information security, acquisendo competenze trasversali in informatica giuridica, governance digitale, cybersecurity e business resilience. Certified functional continuity professional (CFCP) DRII e crisis manager. Referente territoriale e Docente della Geeks Academy, scuola di alta formazione specialistica e network della formazione in cybersecurity, digital forensics e data analysis. Professionista della Privacy iscritto negli elenchi dei professionisti dell’Associazione Anorc Professioni*, per la quale è Referente Territoriale. Professionista della Digitalizzazione documentale e della Privacy, con master di primo livello conseguito presso l’Università UniTelma Sapienza di Roma. Membro del Team D&L Net dello Studio Legale Lisi**, a cui aderisce come specialista della Privacy. Membro del consiglio direttivo dell’Associazione Confcommercio Professioni Palermo, che aderisce alla Confcommercio di Palermo. Business Coach e Licensed NLP Master Practitioner iscritto nell’elenco tenuto dall’Associazione Assocoaching I° livello Disaster Manager – Assodima ______________________ ____________________________ * ANORC Professioni è un’associazione professionale, indipendente e senza scopo di lucro, iscritta nell'elenco del MISE, che rappresenta i Professionisti della digitalizzazione e i Professionisti della privacy. **Il D&L Net è un Network professionale che in modo multidisciplinare vuole garantire ai Professionisti che aderiscono una crescita sia in termini di competenze, che di attività, nelle materie del diritto dell’informatica e della protezione dei dati personali. Per tali motivi i Professionisti accettano di riconoscersi in questo Network, di mettere a disposizione con spirito collaborativo e proattivo la propria professionalità e di impegnarsi a sviluppare la rete professionale secondo una serie di diritti e doveri condivisi nel Codice che accettano di osservare.

Facebook Comments

Articoli suggeriti