software gestionale

Cyber: tentativo di sabotaggio alla Saipem in Medio Oriente

Il colosso italiano delle pipeline Saipem è stato recentemente vittima di un cyber attacco alle sue infrastrutture IT in Medio Oriente.  I server della multinazionale sono stati subito posti offline per fronteggiare la minaccia e mitigarne gli impatti, favorendo una progressiva resilienza dei sistemi e processi. Secondo le dichiarazioni della società, risultano colpiti circa 400 server in 4 paesi e i cyber attacchi risulterebbero partiti da Chennai in India.

Considerata la rilevanza strategica del colosso energetico e la sua partecipazione ad alcuni importanti appalti nell’area del Golfo Persico, non può escludersi che l’offensiva abbia avuto finalità di sabotaggio delle attività che l’azienda conduce negli Emirati Arabi Uniti (UAE), in Arabia Saudita (KSA) in Kuwait e nel Regno Unito, soprattutto in considerazione della tipologia di codice malevolo utilizzato dagli attaccanti.

Il malware veicolato cancella tutti i dati archiviati nel server

Risulta infatti che il malware veicolato, della variante “Shamoon” e di tipo “wipe”, abbia l’attitudine di eseguire la completa cancellazione di tutti i dati archiviati nel server della vittima, attraverso la loro sovrascrittura. Non è tuttavia da escludersi lo spionaggio delle attività della Saipem, ove si consideri che una parte dell’attacco è stato condotto con un’attività umana molto probabilmente anche preordinata ad una esfiltrazione di dati ed informazioni. 

L’attacco alla Saipem conferma che il settore energetico rappresenta uno dei servizi essenziali e strategici per ciascuna nazione. É per questo che in ambito Ue la direttiva Nis ha voluto creare una importante architettura di protezione delle infrastrutture critiche attraverso un sistema di scambio di informazioni e di intervento delle autorità competenti in caso di attacchi cibernetici.

Davide Maniscalco

Avvocato Cassazionista, con formazione giuridico-aziendale, ha consolidato la propria esperienza professionale prevalentemente nel settore dei carburanti e delle energie. Ha assunto ruoli di alta direzione in Gruppi societari del settore wholesale and retail trading, logistic, transport & management. Ha maturato una significativa esperienza in diritto commerciale e societario, nonché nella contrattualistica di impresa, occupandosi in azienda della gestione del capitale umano e delle relazioni sindacali. E’ Of Counsel dello Studio Viola di Palermo con cui collabora nell’ambito dell’innovativo BID Department per lo sviluppo del commercio internazionale delle imprese, negli uffici di rappresentanza di Milano e New York. Nel corso dell’esperienza professionale ha approfondito il rapporto tra diritto e tecnologie della società dell’informazione ed ha poi rivolto particolare attenzione alle materie della information security, acquisendo competenze trasversali in informatica giuridica, governance digitale, cybersecurity e business resilience. Certified functional continuity professional (CFCP) DRII e crisis manager. Referente territoriale e Docente della Geeks Academy, scuola di alta formazione specialistica e network della formazione in cybersecurity, digital forensics e data analysis. Professionista della Privacy iscritto negli elenchi dei professionisti dell’Associazione Anorc Professioni*, per la quale è Referente Territoriale. Professionista della Digitalizzazione documentale e della Privacy, con master di primo livello conseguito presso l’Università UniTelma Sapienza di Roma. Membro del Team D&L Net dello Studio Legale Lisi**, a cui aderisce come specialista della Privacy. Membro del consiglio direttivo dell’Associazione Confcommercio Professioni Palermo, che aderisce alla Confcommercio di Palermo. Business Coach e Licensed NLP Master Practitioner iscritto nell’elenco tenuto dall’Associazione Assocoaching I° livello Disaster Manager – Assodima ______________________ ____________________________ * ANORC Professioni è un’associazione professionale, indipendente e senza scopo di lucro, iscritta nell'elenco del MISE, che rappresenta i Professionisti della digitalizzazione e i Professionisti della privacy. **Il D&L Net è un Network professionale che in modo multidisciplinare vuole garantire ai Professionisti che aderiscono una crescita sia in termini di competenze, che di attività, nelle materie del diritto dell’informatica e della protezione dei dati personali. Per tali motivi i Professionisti accettano di riconoscersi in questo Network, di mettere a disposizione con spirito collaborativo e proattivo la propria professionalità e di impegnarsi a sviluppare la rete professionale secondo una serie di diritti e doveri condivisi nel Codice che accettano di osservare.

Articoli suggeriti