software gestionale

Diciotti, 40 migranti sono scappati facendo perdere le tracce

Il Viminale fa sapere che potrebbero essere più di questi gli ‘irreperibili’

Il caso della nave Diciotti torna a far parlare, ma questa volta il motivo è un altro. Sono infatti 40 persone, tutte maggiorenni, quelle che si sono allontanate dal centro accoglienza che li ospitava una volta scesi dall’imbarcazione. I primi a scappare, facendo perdere le proprie tracce, sono stati in 6 immigrati proprio il giorno del trasferimento (31 agosto) . In seguito, il 2 settembre, sono scappati altri due eritrei destinati alla Diocesi di Firenze. Altre 19 persone hanno fatto perdere le tracce il giorno dopo. Infine, altri 13 migranti si sono dileguati il 4 settembre. Al momento, dunque, i fuggiaschi sono irreperibili e sono in corso indagini e varie verifiche per capire dove possano essersi diretti.

“Si sono già dileguati 40 dei 144 immigrati maggiorenni sbarcati dalla Diciotti e affidati alla Cei o al centro di Messina. Ricordiamo che, per la legge, queste persone hanno libertà di movimento e quindi non sono sottoposte alla sorveglianza dello Stato. Erano così disperate che hanno preferito rinunciare a vitto e alloggio garantiti per andare chissà dove. È l’ennesima prova che chi sbarca in Italia non sempre scappa dalla fame e dalla guerra, nonostante le bugie della sinistra e di chi usa gli immigrati per fare business”, dichiarano i sottosegretari all’Interno, Stefano Candiani e Nicola Molteni.

Dal Viminale fanno sapere che le 40 persone che si sono allontanate si erano limitate a “manifestare l’interesse per formalizzare la domanda d’asilo”. Tutte erano state identificate con rilievi fotodattiloscopici e inserite in un sistema digitale europeo. Inoltre, dal dicastero informano che sono in corso verifiche sul numero esatto delle persone che sono irrintracciabili, perché sembrerebbero essere più di 40.

 

Articoli suggeriti