Interpol blocca Sniffer JavaScript: il malware delle carte di credito

Arrestate tre persone in Indonesia

Interpol blocca Sniffer JavaScript, il malware che ruba i dati delle carte di credito. L’Organizzazione internazionale della polizia criminale, ha reso noto di avere coordinato una vasta e complessa operazione contro la criminalità informatica che ha condotto all’arresto di tre persone indagate in Indonesia per aver lanciato una campagna di diffusione di codici malevoli (malware).

Si è trattato in particolare della diffusione di una varietà di malware, noto come Sniffer JavaScript, in danno di siti web di e-commerce che ha compromesso svariati siti web di shopping on line. Il malware cattura e ruba i dettagli della carta di pagamento e i dati personali dei clienti come nomi, indirizzi e numeri di telefono, inviando le informazioni ai server Command and Control controllati dai criminali informatici. Nel coordinamento delle attività, Interpol si avvalsa anche della partnership privata con una società di sicurezza informatica che ha contribuito ad individuare le centinaia di siti web di e-commerce colpiti in tutto il mondo dal malware, supportando anche le attività di digital forensics per favorire l’identificazione dei criminali informatici.

L’Aperan Cyber Capability Desk di Interpol ha anche diffuso i rapporti sulle attività informatiche ai paesi colpiti, evidenziando la minaccia a supporto delle loro indagini nazionali. In particolare, l’intelligence ha rilevato server C2 (Command and Control) e siti web infetti situati in sei paesi nella regione dell’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (Asean).

Su richiesta della polizia nazionale indonesiana, l’ufficio dell’Asean ha poi fornito supporto tecnico e operativo che ha determinato l’arresto di tre persone sospettate di comandare i server C2 nel paese. Le indagini hanno accertato che gli indagati stavano usando i dettagli della carta di pagamento rubata per acquistare beni elettronici e altri articoli di lusso per rivenderli. A Singapore, le autorità hanno identificato e rimosso due server C2 e sono tuttora in corso ulteriori indagini in altri paesi dell’Asean per l’individuazione di server C2 e siti web infetti e l’identificazione di eventuali altri criminali informatici coinvolti.

Craig Jones, direttore della sezione anti crimine informatico di Interpol, ha evidenziato l’importanza delle partnership forti ed efficaci tra la polizia e l’industria della sicurezza informatica, ritenendole “essenziali per garantire che le forze dell’ordine di tutto il mondo abbiano accesso alle informazioni di cui hanno bisogno per affrontare le dimensioni e la complessità dell’attuale panorama delle minacce informatiche”.

“Questa operazione di successo – ha dichiarato Jones – è solo un esempio di come le forze dell’ordine stanno lavorando con i partner del settore, adattando e applicando nuove tecnologie per aiutare le indagini e, in definitiva, ridurre l’impatto globale del crimine informatico”.

Davide Maniscalco

Avvocato Cassazionista, con formazione giuridico-aziendale, ha consolidato la propria esperienza professionale prevalentemente nel settore dei carburanti e delle energie. Ha assunto ruoli di alta direzione in Gruppi societari del settore wholesale and retail trading, logistic, transport & management. Ha maturato una significativa esperienza in diritto commerciale e societario, nonché nella contrattualistica di impresa, occupandosi in azienda della gestione del capitale umano e delle relazioni sindacali. E’ Of Counsel dello Studio Viola di Palermo con cui collabora nell’ambito dell’innovativo BID Department per lo sviluppo del commercio internazionale delle imprese, negli uffici di rappresentanza di Milano e New York. Nel corso dell’esperienza professionale ha approfondito il rapporto tra diritto e tecnologie della società dell’informazione ed ha poi rivolto particolare attenzione alle materie della information security, acquisendo competenze trasversali in informatica giuridica, governance digitale, cybersecurity e business resilience. Certified functional continuity professional (CFCP) DRII e crisis manager. Referente territoriale e Docente della Geeks Academy, scuola di alta formazione specialistica e network della formazione in cybersecurity, digital forensics e data analysis. Professionista della Privacy iscritto negli elenchi dei professionisti dell’Associazione Anorc Professioni*, per la quale è Referente Territoriale. Professionista della Digitalizzazione documentale e della Privacy, con master di primo livello conseguito presso l’Università UniTelma Sapienza di Roma. Membro del Team D&L Net dello Studio Legale Lisi**, a cui aderisce come specialista della Privacy. Membro del consiglio direttivo dell’Associazione Confcommercio Professioni Palermo, che aderisce alla Confcommercio di Palermo. Business Coach e Licensed NLP Master Practitioner iscritto nell’elenco tenuto dall’Associazione Assocoaching I° livello Disaster Manager – Assodima ______________________ ____________________________ * ANORC Professioni è un’associazione professionale, indipendente e senza scopo di lucro, iscritta nell'elenco del MISE, che rappresenta i Professionisti della digitalizzazione e i Professionisti della privacy. **Il D&L Net è un Network professionale che in modo multidisciplinare vuole garantire ai Professionisti che aderiscono una crescita sia in termini di competenze, che di attività, nelle materie del diritto dell’informatica e della protezione dei dati personali. Per tali motivi i Professionisti accettano di riconoscersi in questo Network, di mettere a disposizione con spirito collaborativo e proattivo la propria professionalità e di impegnarsi a sviluppare la rete professionale secondo una serie di diritti e doveri condivisi nel Codice che accettano di osservare.

Facebook Comments

Articoli suggeriti